Due italiani in UK...

Come due hippy montammo a bordo del nostro furgoncino e partimmo alla volta del Regno Unito, portandoci dietro tutto il necessario per una 5.30… fotografo compreso!
Elettrizzati e pieni di aspettative ci gettammo alla conquista di quella che capivamo essere la nostra grande occasione, eccitati come due scolaretti in partenza per la prima gita scolastica. La traversata fu qualcosa di stupendo, con dei cieli meravigliosamente immensi sopra le nostre teste...

... tratto dal libro di 5.30


Tempo di vacanze

Occhialini, costume e due manciate di giorni liberi, per riempire gli occhi di orizzonti senza limiti, rigenerare corpo e spirito. L’estate, per me, ha il sapore del mare e della sabbia, di pomeriggi in cui il tempo si dilata, senza compiti ma solo svago.

Il 13 maggio siamo partiti da Verona per il tour 5.30; sono trascorse 8 settimane intense, veloci, ora possiamo rallentare e sembra quasi impossibile. Non puntare la sveglia nel cuore della notte, non piegare più maglie, non cercare più le parole per raccontare quello che facciamo, perché lo facciamo e come lo facciamo.
Eppure, anche quest’anno, il breve stacco sarà utile a cogliere meglio il senso di quanto realizzato e, nel mezzo del nulla, arriveranno intuizioni preziose per fare scelte più utili a questo nostro grande progetto, totalizzante e bellissimo.

In vacanza, come sempre, riprenderò a correre - 360 giorni all’anno cammino - e certamente nuoterò 30 minuti al giorno, questo binomio, unito al sole, al mare e al buon cibo, farà volare alto il mio benessere e tornerò più persuasa che mai, piena di energie buone da dedicare a ciò che mi appassiona di più da sempre: favorire l’adozione di sani stili di vita, con gioia e fantasia, a tutte le persone dai 0 a 100 anni.
Buone vacanze a tutti!


5.30 Riva del Garda: tutte le immagini

... avevamo detto domenica ma 'iena' è stato velocissimo e tutte le immagini sono già pronte!
Guardatele, scaricatele e condividetele :)


5.30 Riva del Garda: indicazioni utili

Ritiro t-shirt:
oggi dalle 10 alle 18 presso Ingarda Trentino, Largo Medaglie d’Oro al Valor Militare, 5 Riva del Garda e, se proprio non ce la fate, anche la mattina dell’evento dalle ore 4.30 fino a un minuto prima della partenza... ovviamente sul luogo di partenza.

Iscrizioni:
gli ultimissimi posti sono disponibili solo oggi da Ingarda, fino alle 18 (orario continuato)

Venerdì 8 luglio
Partenza dal porto San Nicolò.
Per i partecipanti sarà disponibile il parcheggio del Centro Commerciale Blu Garden, in Viale Rovereto, con queste modalità:
- l’entrata sarà possibile dalle 4:30 alle 5:30;
- l’uscita sarà libera dalle 6:00 alle 8:00 (non serve il biglietto, avvicinandosi alla barriera di uscita la sbarra si alza).
ATTENZIONE: dopo tale orario non sarà consentita l’uscita, se non con il pagamento del biglietto (30 euro).


Decalogo per la sana alimentazione dei più piccoli

Ecco un decalogo, dedicato a tutte le mamme  per chiarire i punti chiave per impostare bene l'alimentazione dei bambini, con saggezza e fantasia, per promuovere già in te
In questo tour 2016 ne abbiamo incontrate tante, in particolare quelle di www.frizzbe.com a Bologna, rappresentate da Beatrice, che hanno partecipato in gruppo con il pupo nel passeggino.
Questo post è dedicato a tutti i genitori che hanno condiviso l’alba insieme a noi, poi, sono volati a casa dai loro figli, entusiasti dopo 5.3 km di corsa e un ristoro di frutta fresca di stagione e, anche a chi sta sognando una famiglia numerosa!
Per voi tutti, ho predisposto questo testo per stimolare/chiarire, ancora una volta, con un motivo in più, perché adottare uno stile di vita sano conviene e, ancor di più, a chi ha o vuole una famiglia numerosa!
Vi ricordo brevemente quello che la scienza ha dimostrato:
il movimento e la sana alimentazione sono fondamentali per vivere una vita piena e favorire il benessere delle persone.
Prima si inizia, meglio è.
I genitori e la famiglia, l’ambiente in cui cresciamo, sono determinanti per lo sviluppo armonioso dei piccoli. Le evidenze non lasciano dubbi. Essere genitori, significa anche cogliere l’occasione, prendersi la responsabilità di adottare uno stile di vita sano per favorire fin da subito e con naturalezza, la migliore qualità di vita ai propri figli.
Con dolcezza e fermezza.
Occorre creare un ambiente stimolante in cui, il bambino, sia accompagnato a fare scelte salutari fin dalla prima infanzia.
Con equilibrio e flessibilità, senza cadere nelle fissazioni alimentari (divieti e processi), occorre impostare uno stile protettivo in grado di prevenire malattie e disturbi correlati a scelte di vita non adeguate. Occorre imparare a 'trasgredire' con allegria per poi tornare sulla retta via e promuovere, con forchetta, coltello e camminate, la propria salute e quella dei propri figli.

CONSIGLI PER I GENITORI (da leggere insieme ai figli)
DARE IL BUON ESEMPIO
La scienza ha confermato che spesso i figli mangiano proprio quello che mangiano i genitori! Quindi, in famiglia occorre dare il buon esempio a tavola e nel tempo libero. È importante mangiare con gusto ed equilibrio giorno dopo giorno e muoversi di più.
NON TRASCURARE LA PRIMA COLAZIONE
Abituatevi a fare la prima colazione con i vostri figli. Chi salta la prima colazione è più predisposto a disordini alimentari durante la giornata. Dopo il digiuno notturno il nostro corpo ha bisogno di energia. Consumare la colazione favorisce l’attenzione e la concentrazione del bambino a scuola.
AUMENTARE IL CONSUMO DI FRUTTA E VERDURA GIORNALIERO
Offrite frutta fresca di stagione ai vostri bambini, quotidianamente, è un grande regalo: colazione, pranzo, cena e, a merenda tra un pasto e l’altro. È consigliato sostituire le merende abituali con frutta fresca di stagione da proporre con fantasia, soprattutto per i più piccini, macedonia, frullati, spiedini… colore, gusto e salute saranno assicurati!
Prevedete contorni di verdure sia a pranzo che a cena, ovviamente scegliendo tra quelle che il bambino predilige - carote, zucchine, insalate - mangiatele anche voi e non fatevi confondere da quei dolci 'nanetti', le patate non sono una verdura ma le potete offrire in aggiunta o in sostituzione del pane :)
FAVORIRE IL CONSUMO DI PESCE
Pianificate il menù settimanale con pesce, due volte (meglio tre) a settimana. Pesce azzurro, sogliola, orata, alici come secondo piatto o come condimento sano per pasta asciutta e minestre.
AUMENTARE IL CONSUMO DI LEGUMI
I legumi possono essere proposti nelle zuppe oppure come secondi piatti - riso con piselli, pasta e fagioli, polpette con piselli, crema di ceci, ecc.
EVITARE/LIMITARE IL CONSUMO DI CIBI INDUSTRIALI
Scegliete cibo vibrante, vivo, naturale e buono. Prediligete cibi di origine vegetale, semplici come la natura ce li dona. Frutta e verdura, cereali in chicchi, legumi, pasta e pane, proteine magre, grassi buoni da aggiungere a crudo. Per i prodotti elaborati, prediligete quelli preparati artigianalmente... e freschi.
PIANIFICARE LA 'SANA TRASGRESSIONE' IN FAMIGLIA
I divieti non funzionano, se non a creare desiderio e attaccamento. Sporadicamente, bisogna permettere il consumo dei cibi trasgressione, ricordando e spiegando ai bambini che non esistono cibi vietati, ma tanti cibi privi di nutrienti e carichi di calorie, sali e zuccheri semplici (junk food-cibo spazzatura) il cui consumo non serve per crescere.
STIMOLARE IL CONSUMO DI ACQUA
Offrite ai bambini acqua a temperatura ambiente, più volte al giorno. Evitate o limitate il più possibile, il consumo di bibite dolci e/o gassate industriali.
MANTENERSI ATTIVI
La maggior parte del tempo libero trascorretelo in movimento insieme ai vostri figli: passeggiate a piedi, giri in bicicletta, giochi nei parchi, sono il must per chi ha famiglia; fate tutto con con equilibrio, rispettando la natura di ciascun figlio.
I consigli sono tratti e modificati dall’opuscolo 'Il progetto Cimone'
di Sabrina Severi at all 2000.
Edizioni Azienda USL di Modena.


5.30 Venezia: tutte le immagini sono qui per voi!

Tutte le immagini della 5.30 Venezia, sono a vostra disposizione


Info utili per la 5.30 Venezia... leggetele!

• Ritiro della t-shirt?
- Mercoledì 29 giugno, dalle 10 alle 18 presso Open, Via Paganello 8 a Mestre.
- Giovedì 30 giugno, dalle 11 alle 17, presso il Patronato ai Carmini Calle Lunga San Barnaba (a fianco della pizzeria Al Profeta).
- Se proprio non ce la fate, anche la mattina dell’evento dalle ore 4.30 fino a un minuto prima del via.

• È possibile iscriversi la mattina dell'evento?
No

• Il percorso?
Scaricate il volantino

• Dove parcheggiare? Come arrivare?
- Tronchetto Parking, poi, prendere il vaporetto e, alla seconda fermata, siete arrivati a San Basilio, in zona partenza.
- Parcheggio San Marco (Piazzale Roma), poi a piedi, seguite il flusso dei partecipanti (non sarete i soli).
- Parcheggio comunale (Piazzale Roma)... se arrivate presto, troverete ancora posto.
- Per le linee di trasporto urbane da Mestre, vedere il sito actv
I prezzi di trasporti e parcheggi sono quelli scritti sui rispettivi siti web; non sono previste agevolazioni per la 5.30.

• Attenzione!
Il ponte di Rialto è in fase di restauro; è permesso il passaggio ma fate molta attenzione perché c'è una pavimentazione provvisoria e non è possibile correrci sopra, solo camminare.

E, alla fine...
godetevi Venezia e cercate di farlo nel silenzio... è così bello percorre questa città sentendo solo il rumore dei passi e del proprio respiro


Il ristoro di 5.30

Chi ci segue già da un pò, sa che noi di 5.30 siamo un pò fissati con i numeri e quindi anche quest'anno mi piace l'idea di contare quanto realizzato ad oggi nel ristoro 5.30. Da Verona il 13 maggio scorso fino a Ferrara il 17 giugno, abbiamo distribuito un trionfo di ciliegie buone, piene di energia vitale e molecole preziose per la salute. Ma quante ciliegie abbiamo ordinato tappa per tappa?

per Verona, 3000 porzioni

per  Milano, 4000 porzioni

per Torino, 7000 porzioni

per Modena, 10.000 porzioni

per Bologna, 7500 porzioni

per Ferrara, 3000 porzioni.

31.500 porzioni di ciliegie da 150 gr ognuna, per un totale di ben 4.725 kg di frutta fresca di stagione!

Circa 22.800 porzioni sono state distribuite ai partecipanti della 5.30; 8.700 porzioni sono state donate alle mense dei poveri di ogni città, tappa dopo tappa.

Il ristoro della 5.30 regala salute ed emozioni positive, ai partecipanti delle 6 tappe e anche a chi non è con noi all'alba! (Riceviamo sempre dei sentiti ringraziamenti dai responsabili delle strutture a cui doniamo la frutta avanzata, perchè la frutta fresca di stagione di prima qualità, è veramente graditissima!)

Siamo orgogliosi di offrire le ciliege a tutti i partecipanti e non solo, e di aver realizzato insieme a voi l'incanto.

Sabrina Severi


Schema menu' settimanale

Siamo a giugno, dopo la tappa di Modena e quella di Bologna, l’estate si avvicina anche se la calura estiva non ha ancora invaso i nostri giorni. L’anno scorso vi avevo dedicato un post sulla dieta dell’estate, la stagione del cuore, lo trovate qui https://www.run530.com/dieta-dellestate-la-stagione-del-cuore/

Quest’anno, dopo avervi descritto nelle scorse settimane, la differenza tra alimentari e nutrirsi, e i 4 pilastri per scegliere bene a tavola, vi dedico uno schema settimanale, da cui potrete trarre ispirazione per pianificare il vostro menù in famiglia! Solo con un menù chiaro nella mente, sarà facile fare la spesa e dimenticare la fatidica domanda: cosa faccio stasera a cena?  E per le colazioni, potete andare a leggere i post dedicati all’argomento, in questo blog.

Lunedì

Pranzo: Riso con ceci e asparagi, Erbette al vapore, Pane di farro, Fragole

Merenda:Frutta fresca di stagione

Cena: Gaspacho di verdure, Polpette di carne con piselli e purè, Grano saraceno con olio

Martedì

Pranzo: Insalata di verdure miste con uovo, Riso basmati all’olio, Aspic di mirtilli e lamponi

Merenda: Latte di mandorle e crostata di amarene

Cena: Farro con pomodorini, menta e avocado, Macedonia di frutti rossi

Mercoledì

Pranzo: Spaghetti con le acciughe, Finocchi in insalata, Spinaci al limone

Merenda: Coppetta di gelato 3 gusti

Cena: Pesce spada al forno con olive e capperi, Insalatina fresca e ravanelli, Riso rosso con olio

Giovedì

Pranzo: Orzo con verdure, Cipolle all’aceto balsamico, Pane di mais, Mousse di ciliegie

Merenda: Centrifugato carote e albicocche

Cena: Frittata con verdure, Carote al rosmarino, Pane ai 5 cereali o patate

Venerdì

Pranzo: Penne con pomodorini e feta, Lattughino, Patate al latte e salvia

Merenda: Pesche, Pane con crema di ceci

Cena: Trancio di salmone alla griglia con timo e ananas, Crocchette di patate, Fragole con limone

Sabato

Pranzo: Tortino al forno di zucchine, pomodori e mozzarella, Carote crude con olio e limone, Pane ai cereali

Merenda: Barretta ai cereali, semi e frutta - home made (!)

Cena: Peperoni ripieni di miglio, tonno e verdure, Rucola e radicchi di campo, Macedonia

Ricorda:

• a tutte le verdure, è bene aggiungere semi di zucca, di sesamo, di girasole alternativamente;

• durante il giorno bere circa 1 litro di acqua, meglio lontano dai pasti;

• consiglio di condire pietanze e contorni, con extra vergine di oliva, sempre a crudo.

Sabrina Severi

Biologa Specialista in Scienza dell'Alimentazione


Il potere delle ciliegie

Molte persone in questi giorni, hanno scritto  e messaggiato invitandomi a scrivere qualcosa sulle proprietà delle ciliegie, il frutto che da sempre accompagna le tappe di 5.30 fino a giugno

Questi frutti rossi  ci accompagnano dalla primavera fino ad inizio-metà estate,sono I frutti molto gustosi, e per molti, praticamente irresistibili.

Piccoli scrigni, a forma di cuore, veri concentrati di virtù benefiche, le ciliegie sono ricche di vitamine, sali minerali, e sostanze preziose per la salute

Le ciliegie contengono ben 80 g di acqua ogni 100 g, un’acqua "viva" in cui sono disciolte vitamine e sali minerali, e in particolare vitamina K con effetto anticoagulante, sali come il potassio, fosforo, e il calcio.  Le ciliegie sono ricordate per il loro potere drenante, rimedio utile per chi soffre di ritenzione idrica.

Con il loro basso potere calorico, circa 38 kcal ogni 100 g, possono essere inserite liberamente anche nella dieta di chi deve stare attento alla linea.

Potente integratore naturale per chi pratica sport a livello amatoriale e agonistico, la porzione ideale è di 150 g, due volte al giorno, a colazione e poi magari a completamento di una merenda post allenamento!

Corroboranti e al contempo famose per il loro effetto rilassante, di cui abiamo già parlato lo scorso anno, le ciliegie, secondo al Medicina Tradizionale Cinese sono un tonico dell’energia e del sangue, con il loro colore rosso rubino, nutrono dolcemente e profondamente.

Il consumo è indicato in tutte le fasi della vita, dall’infanzia ai grandi anziani, tutti possono godere delle proprietà uniche di questi frutti

L’ideale è mangiarle in piena stagione, delle diverse varietà presenti sul mercato, potrete scegliere quella prodotta vicino a casa vostra, esistono tantissimi paesi sparsi in tutta Italia, famosi perchè producono ciliege speciali.

E ricordate, da mattina a sera, ogni momento della giornata è quello giusto per un incontro con le irresistibili ciliege!

Le ciliegie sono un ingrediente speciale da portare in cucina, buone sia crude che cotte, per preparazioni dolci ma anche salate come I tortelli della Possenta, piatto tipico di Ceresara (MN) al burro e parmigiano.

E se volete portare il sapore del sole di giugno nei mesi invernali, potete sbizarrirvi con infinità di conserve buonissime a base di ciliege.

Dr.ssa Sabrina Severi

Biologa specialista in Scienza dell'Alimentazione

 


Tutta la verità sul ‘fenomeno’ 5.30

Perché affidarsi ai ‘si mormora’ quando c’è la possibilità di informarsi? La giornalista Francesca Grana ci ha seguito per un anno intero, osservando, chiedendo, registrando e mettendo tutto nero su bianco… e anche di più.
La rivista Correre ha dato il suo patrocinio, pubblicando questo racconto che parla di tutto, meno che di corsa. Lo potete acquistare online sullo store di Correre oppure su Amazon o, direttamente, da Koala Sport a Milano o Baffo Sport a Modena.


Ciliege fritte

La stagione delle ciliege è arrivata, ancora una volta.

Dopo il freddo e le piogge, finalmente le Divine sono pronte per essere assaporate, con le papille e con gli occhi, in tutta la loro pienezza di gusto e colore. Una bella porzione di ciliegie, è la scelta irrinunciabile per iniziare la giornata e per una merenda sfiziosa durante le nostre pause.

Una ciliegia tira l’altra e… sono tutte buone, appena colte fresche ma anche cotte; le ciliegie infatti sono molto versatili, e quindi adatte per diverse preparazioni dolci e salate. L’importante è mangiarle in piena stagione, per assicurarsi gusto a volontà.

Tra le varie preparazioni, le ciliegie fritte, sono da sempre la mie preferite, facili da preparare e indimenticabili

Ecco la ricetta per voi

Ingredienti

800 g di ciliegie tipo Ferrovia

succo di un limone

Opzionale - un cucchiaio di zucchero di canna, miele o succo di mela

Preparazione

Snocciolare le ciliegie, metterle in una padella con il succo di limone e fare cuocere a fuoco vivace per circa 10 minuti, fino a quando non si appassiscono leggermente, mescolando alcune volte. Spegnere il fuoco e, a vostra discrezione, aggiungere un cucchiaio di zucchero di canna - quello vero, granuloso, marrone e “umido”- o di miele, mescolare per assicurarsi che si sciolga completamente.

A questo punto, con le ciliegie fritte pronte, preparate la vostra pasta frolla preferita, tiratela con il mattarello fino a farla diventare alta circa 1 cm e poi adagiatela nella tortiera di 24-26 di diametro.

Coprite l’impasto con le ciliegie “fritte”, colatele dal loro succo. Decorate a piacere con la pasta frolla e infornate a 180° per circa 25-30 minuti e comunque, fino a quando la crostata non sarà di un bel colore biscottato.

Servite a temperatura ambiente con un pò di succo di cottura delle ciliegie per arricchire di colore il vostro piatto.

Buon appetito!

Sabrina Severi Biologa Specialista in Scienza dell'Alimentazione


Camminata Meditativa 1 giugno a Modena presso Bio Hombre

La camminata meditativa presso Bio Hombre, ormai è un appuntamento fisso a cui non possiamo rinunciare.

Quest'anno ci ritroveremo a camminare tutti insieme, il primo giorno di giugno alle 19.30, e siccome ci piace l'idea di camminare insieme e anche di condividere qualche ora in più con voi, vi abbiamo preparato una sorpresa...

Vi aspettiamo!

Team 5.30


5.30 Torino: consegna t-shirt

5.30 Torino, luogo di consegna t-shirt:
Otto Gallery, via Nizza 262, saremo nella Corte della Ristorazione con 3 gazebo bianchi. Mercoledì 25, giovedì 26 maggio, dalle 10 alle 18.00 (alle 18.30 tassativo dovremo sloggiare)


Smoothy Potente

Ve l’avevo promesso, quindi ecco a voi la ricetta dello smoothy verde, un vero portento per il fegato e per svegliare gli intestini addormentati e lenti.

Lo smoothie verde è particolarmente indicato in questo periodo, perchè e secondo la teoria dei 5 elementi della Medicina Tradizionale Cinese, la primavera è la stagione del fegato e il verde è il colore legato al fegato. Per supportare  il fegato, è bene scegliere cibi naturalmente verdi - bietole, spinaci, cicoria, zucchine, piselli, insalate verdi, kiwi, mele verdi…-  e aggiungere alla vostra dieta abituale, cibi leggermente acidi, come la frutta o  un pizzico di aceto o limone, perché il sapore amato dal fegato è quello acido.

Come tutti gli smoothy, prepararlo è facilissimo e super veloce, l’importante è avere tutti  gli ingredienti pronti, metterli nel frullatore e mixare bene per 2 minuti, fino ad ottenere, una crema da bere …o da mangiare con il cucchiaio, per uno stile più slow e per assaporare meglio questa meraviglia!

Ecco cosa vi serve per preparare lo smoothy verde

150 g di kiwi

2 cucchiai di semi di zucca

1 cucchiaio di mandorle dolci (non pelate)

2 manciatine di spinaci freschi (o 2 cucchiai di spinaci disidratati)

100 g di yogurt bianco senza zuccheri aggiunti

1 bacello di cardamomo

1 fettina di zenzero fresco, se gradito

1 cucchiaino di miele, se gradito

 

Buon appetito!

Sabrina Severi

Biologa Specialista in Scienze dell'Alimentazione


La Meraviglia in tavola

In attesa del menù settimanale, vi descrivo i 4 pilastri su cui creare il vostro stile alimentare.

Eccellenze in Tavola. Vi invito a selezionare i cibi meno trasformati, alimenti freschi-e di stagione, se possibile del territorio, locale e nazionale. L’Italia è un Paese meraviglioso, in cui produciamo alimenti, unici, vere eccellenze, grazie ad un micro clima unico al mondo. Scegliete alimenti freschi per creare una dieta ricca di sapori, a base vegetale, per assicurarvi più vita e più vitalità perché in linea con i ritmi della natura

Ascoltarsi. Saper scegliere e godere del cibo sapendo ascoltare i bisogni più profondi, perché ogni persona può comprendere chiaramente cosa serve e quando, basta sapersi decifrare. Non iniziare diete stravaganti e alla moda, riflettere e meditare sui messaggi ricevuti dai media, seguire solo professionisti del settore che divulgano notizie basate sulle evidenze scientifiche.

Ingredienti Indispensabili. Gratitudine, gioia, curiosità ed intenzioni buone sono ingredienti unici da aggiungere in tutto ciò che cucinate e che mangiate, solo così il cibo diventa un farmaco efficace per promuove l’autoguarigione.

Gustare il cibo. Eh sì…spesso dimentichiamo di guardare il cibo, siamo distratti e ci scordiamo di ascoltare il profumo e assaporare il colore…sentire la consistenza…Vivere il cibo significa approcciarlo lentamente, non solo con le papille gustative, ma con tutti i 5 sensi, solo così mangiare si trasforma in un rito miracoloso, per grandi e piccini.

Con gratitudine

Sabrina Severi

Biologa specialista in Scienza dell’Alimentazione


Fuori e dentro di noi

Recentemente ho assistito ad un convegno in cui un collega, invitava tutti a investire di più nell’alimentazione quotidiana: informarsi meglio, scegliere la qualità, consumare meno e gustare di più. Più attenzione, più intenzione, più risorse per ciò che entra dentro di noi, perché i cibi che scegliamo, sono autentici alleati della nostra vita.

Le 10 regole, per investire bene, quando si tratta di cibo

·      Mangiare 5 porzioni di frutta e verdura (2 di frutta, 3 di verdura?)

·      Prediligere i cibi di stagione

·      Scegliere cibi integrali: cereali in chicchi, verdure, frutta

·      Mangiare cibi che favoriscono una buona digestione

·      Scegliere ogni giorno, cibi che sostengono la flora intestinale

·      Fare tre pasti o cinque-sei mini-pasti a intervalli regolari

·      Masticare bene perché lo stomaco non ha i denti

·      Cucinare con passione: così il cibo diventa il miglior farmaco

·      Mangiare fino a quando non siete più di due terzi pieni

·      Mangiare con piacere e poi dedicarsi ad altro!

I principi ispiratori di uno stile alimentare ganzo, sono 4, e ve li presenterò la prossima settimana….per ora… 10 punti su cui meditare posson bastare!

Con gioia

Sabrina Severi

Biologa Nutrizionista